Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Va bene, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. Diversamente è possibile leggere l'informativa estesa.

Rassegna Stampa
Typography

Dal sito web de l'Unione Sarda: Sono stati individuati dalla polizia di Nuoro i tre teppisti che, durante le festività pasquali, hanno danneggiato i locali della palestra della scuola media di via Gramsci.

Gli uomini della Squadra Mobile hanno denunciato due ragazzi di tredici anni e una ragazza di quindici anni, tutti di Nuoro.

I tre erano entrati nella palestra dopo aver rotto un vetro del portone di ingresso. Una volta all'interno, avevano danneggiato diverse porte e avevano acceso dei petardi per dare fuoco ad alcuni attaccapanni e a delle panche.

L'interno della palestra colpita dai vandaliI poliziotti hanno raccolto diverse informazioni sui giovani che frequentano la zona e sono riusciti a identificare gli autori del raid grazie a ripetuti appostamenti e dopo aver installato delle microcamere di sorveglianza nella scuola.

I tre giovanissimi, interrogati dalla Polizia alla presenza dei genitori, alla fine hanno ammesso le loro responsabilità e hanno raccontato di averlo fatto perché spinti dalla noia e senza riflettere sulla gravità del gesto.

A capo dei tre vi era la ragazza più grande: sua l'idea di entrare nella scuola e di iniziare il raid.

Nella palestra si allenano i giovani disabili dell'Associazione Hasterix, che avevano dovuto interrompere le loro attività proprio per i danni provocati dai teppisti.

I tre adolescenti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica dei Minorenni di Sassari.

Ora i genitori potrebbero essere chiamati dal Comune di Nuoro, proprietario dell'immobile, a risarcire i danni.

Vedi l'articolo originale

Vedi le foto

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS