Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Va bene, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. Diversamente è possibile leggere l'informativa estesa.

Typography

Nuoro ha di nuovo finalmente la sua pista di atletica. A partire da settembre 2014 la struttura del Campo Scuola era rimasta chiusa per tutto l’autunno e l’inverno. Inizialmente per motivi di sicurezza, essendoci dei lavori di manutenzione in atto, e poi per la sospensione degli stessi in quanto il rifacimento della pista andava eseguito con condizioni di bel tempo. In primavera per l’esattezza.

Comunque a prescindere dalle motivazioni a partire da Giugno abbiamo ritrovato la nostra sede abituale per svolgere allenamenti di un certo tipo senza dover cercare soluzioni improvvisate su percorsi cittadini. Il momento più bello era rappresentato dal mercoledì sera, giornata dedicata ad un allenamento collettivo. Poteva essere un 5000 o un 10000 in pista, l’importante era buttarsi nella mischia ognuno col proprio stato di forma e vedere poi cosa ne veniva fuori. Personal best, prove incolori, ritiri sommessi, sorrisi e mugugni. Il tutto condito da un dopo prova all’insegna della convivialità. L’allenamento collettivo ha di suo il grande pregio, oltre di far correre tante persone insieme, di stimolare l’atleta a dare qualcosa di più rispetto ad un momento di allenamento individuale. Consiglio sempre ai soci di tuffarsi in queste prove in quanto difficilmente nella propria solitudine si ha la forza e la convinzione mentale di spingere il proprio fisico al limite. Correre in “competizione” invece è sempre un grande sprono. Inoltre nella canicola estiva ridurre il carico dei chilometri e svolgere prove brevi è fondamentale per chi ha in mente di dedicarsi più avanti alla preparazione di una maratona autunnale. Hai la possibilità di migliorare la cilindrata del tuo motore.

Questi allenamenti collettivi hanno il pregio di raccogliere molte adesioni da parte dei soci. E’ un sistema per reincontrarsi dopo un inverno in cui per motivi diversi ognuno correva ai propri orari, in base alle proprie esigenze e al proprio grado di misantropia. L’idea di correre tutti insieme in pista ci ha accompagnato fin quasi alla prossima tappa del 18 Luglio giorno in cui sublimeremo questo genere di rendezvous con la 11ima edizione dell’Ora in Pista che chiuderà, quasi sicuramente, l’attività estiva sul tartan del Campo Tomaso Podda. Ma per la nostra società l’occasione di incontrarsi tutti insieme non sarà l’ultima difatti a fine mese disputeremo la seconda edizione della Corri per il Porcetto manifestazione a staffetta all’insegna del divertimento e della goliardia. Teatro delle gesta eroiche sarà la Pineta di Ugolio in Summer Version. Dopo il successo del 2014 non potevamo non riprovarci.

Ma l’appuntamento perfetto di questa estate si disputerà martedì 14 luglio e sarà caratterizzato dall’assoluta mancanza di spirito agonistico competitivo. Le strade di Nuoro oramai da qualche anno sono popolate da podisti che in solitario o in mini gruppetti le solcano durante tutto l’arco della giornata. Per una sera abbiamo pensato e creduto che le potremo percorrere in assoluto relax, con andatura da crociera tutti insieme a partire dalle 20.30 circa. L’idea di trovarsi tutti quanti, o quasi tutti, e correre insieme evitando fughe per il podio è stata giudicata un idea romantica. Al passo della persona più lenta potremo ipotizzare, ma ancora non sappiamo cosa ne verrà fuori, né se rappresenteremo un onda anomala che sommergerà la città per 30’ circa oppure un immagine bizzarra che catturerà gli occhi dei passanti. Ma l’abbiamo pensata, immaginata, voluta e adesso finalmente realizzata. L’occasione di spogliarsi dall’abito dell’atleta che deve per forza inseguire una prestazione per indossare quello di chi ama anche ascoltare la voce del compagno di viaggio mentre corre senza temere crolli per eccesso di affanno e tachicardia, è sì romantica ma richiede come sempre una sensibilità che non appartiene a tutti.

Comunque vada sono felice che abbiamo trovato il coraggio di metterla in opera. A martedì col sorriso tra le labbra e il cronometro sul comò.

Heartless Bastard

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Blogger

Blog - Login Form

Fai il login per poter scrivere un articolo.

Grazie. Il tuo articolo è già visibile sul blog.