Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Va bene, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. Diversamente è possibile leggere l'informativa estesa.

Rassegna Stampa
Typography

NUORO - Magliette rosa “scioccante”, proprio come i numeri delle donne vittime di violenza, scarpe da tennis e tanta determinazione.

Parte la terza edizione della Corsa Rosa, la manifestazione sportiva di tre chilometri a sostegno delle donne vittime di violenza, promossa e organizzata dalle atlete dell’associazione cittadina Atletica Amatori in occasione della Giornata internazionale della donna.

L’appuntamento è per il 12 marzo, alle 10, ai giardini di piazza Vittorio Emanuele. Una corsa contro soprusi, molestie, uccisioni, discriminazioni e diritti negati alle donne. È con questo spirito che tre anni fa è nata la Corsa Rosa, fortemente voluta dalle atlete della Atletica Amatori. Accanto a loro, la storica associazione cittadina a sostegno delle donne vittime di violenza, Onda Rosa. Quest’anno il ricavato della manifestazione verrà devoluto all’Amo (Associazione malato oncologico).

L'evento è stato presentato ieri mattina nella sala consiliare del Comune dagli assessori Sebastian Cocco e Valeria Romagna, dal presidente provinciale del Coni, Sandro Floris, dal presidente dell’Amatori Nuoro Massimo Zara, accompagnato da alcune atlete nonché organizzatrici della manifestazione e dalla fondatrice dell’associazione Amo, Maria Gambioli. «Nuoro è la città dove, in rapporto al numero di abitanti, si registra la più alta partecipazione a livello regionale alle varie manifestazioni sportive – ha sottolineato il presidente provinciale del Coni Sandro Floris –. Un fermento del quale siamo orgogliosi sopratutto quando lo sport va a braccetto con eventi di solidarietà».

Negli intenti della fondatrice dell’ Amo Maria Gambioli c’è anche l'ambizioso progetto di abbattere le barriere architettoniche che rendono difficoltoso l’accesso nell’appartamento destinato ad ospitare le persone malate di tumore in cura in città. «L’ascensore è troppo stretto per accogliere le persone in sedia a rotelle e, prima di arrivarci, è necessario salire sei gradini – ha spiegato Maria Gambioli – , il mio sogno è quello di poter rendere accessibile la casa per malati oncologici a tutti».

A sottolineare invece l’alto valore sociale della manifestazione è stato Massimo Zara, neo presidente dell'Atletica Amatori che ha ribadito l’intento della manifestazione e la preziosa organizzazione, tutta al femminile, della kermesse sportiva di solidarietà. È possibile iscriversi alla Corsa Rosa negli info point autorizzati :Centro estetico Estea in via della Resistenza, libreria Mieleamaro a corso Garibaldi, macelleria Marongiu in via Roma e Pool sport in via Santa Barbara. La manifestazione è aperta a tutti, ma solo agli iscritti verrà consegnata la T-shirt e lo scalda collo.

La scuola di ballo Dance & dance di Manuela Serra animerà l’evento con balli di gruppo e tanta musica che faranno da cornice al ricco buffet. Ecco il percorso: piazza Vittorio Emanuele, corso Garibaldi, via Roma, piazza Italia, via Deffenu, via Papandrea, corso Garibaldi e piazza Vittorio Emanuele (da ripetere due volte).

Stefania Vatieri

2017 03 01 nuova sardegna corsa rosa

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Risultati

 

 banner atleticaME.300

Advertisement
Advertisement
Advertisement