Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Va bene, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. Diversamente è possibile leggere l'informativa estesa.

Il 25 Novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne indetta dall’ONU, a Nuoro presso il Cesp di Prato sardo, si è tenuto un incontro per raccogliere fondi voluto e organizzato dal centro di sostegno contro la violenza femminile Onda Rosa Nuoro. Tale serata è stata organizzata allo scopo di realizzare un’importante iniziativa, unica in Italia e sperimentata per la prima volta negli Stati Uniti, che vuole l’affissione nei bagni pubblici del territorio di un logo adesivo contenente un messaggio contro la violenza sulle donne e del numero di telefono del Centro da utilizzare in caso di necessità.

Dopo una settimana di lavoro, il sabato pomeriggio, è grande la tentazione di buttarsi sopra un divano indossando una comoda e vecchia tuta, telecomando da una parte e cibi sfiziosi da sgranocchiare dall’altra. Per fortuna la maggior parte delle volte si sfugge grazie a piacevoli impegni che ti distolgono da tale richiamo, trasformando un sabato qualunque e sedentario in un incontro piacevole e in movimento.

Avviso i gentili lettori che il titolo potrebbe indurre in errore ma giuro che anche qui si parlerà di sport!
Premetto che le cose di cui scriverò, nella scuola dove lavoro io, alcune esistono e altre no. Non specificherò quali perché va bene essere coraggiosi ed esprimere le proprie idee ma per diventare un parafulmine senza avere il potere di scaricare a terra non è proprio il periodo.

Dagli squallidi gesti sessisti dei giorni scorsi nella più alta Camera del Parlamento ad una semplice e serena realtà come “Di Corsa nelle Oasi di Bidderosa” dove si respira (come in tante altre occasioni) rispetto, affetto e stima per le donne, riconoscendogli grande e importante ruolo in tutto ciò che si realizza di bello: uomini molto diversi ci stanno vicini!
Domenica mattina, 4 ottobre 2015, una splendida giornata dopo i temporali che hanno nuovamente gettato nella disperazione famiglie e territori.

Ricordo che l’anno scorso la prima edizione della Corri per il porcetto, nata dalla brillante intuizione di alcuni soci, cadeva proprio il giorno nel quale il mio figlio maggiore tornava da una vacanza-studio in Inghilterra e con Alessandro dovevamo andare a prenderlo all’aeroporto di Cagliari.

Nuoro ha di nuovo finalmente la sua pista di atletica. A partire da settembre 2014 la struttura del Campo Scuola era rimasta chiusa per tutto l’autunno e l’inverno. Inizialmente per motivi di sicurezza, essendoci dei lavori di manutenzione in atto, e poi per la sospensione degli stessi in quanto il rifacimento della pista andava eseguito con condizioni di bel tempo. In primavera per l’esattezza.

Ieri sera mi sollazzavo sulla mia personal poltrona nel soggiorno di casa. La temperatura fuori era ancora caliente ed io rientravo da una tranquilla serata trascorsa a divagare sul senso della vita, sulle nostre scelte passate, sui rimpianti avuti e sui programmi futuri con alcuni carissimi amici. Ho acceso la tv perché sapevo che c’era il meeting di Parigi su Fox Sport. Le performance degli atleti in alcuni casi erano sbalorditive. Il 5000 donne di una bellezza incontenibile. Ultimo giro in 61’’!!!! Le gare di velocità e di mezzofondo sempre coinvolgenti. I master avrebbero tanto da imparare dalla visione di questi eventi.

Valar Morghulis! Valar Doaheris! Chi è amante delle “Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” come l'interminabile romanzo a puntate dello scrittore americano Martin, o anche solamente della meravigliosa serie TV che va in onda su Sky Atlantic da alcuni anni a questa parte sa di cosa sto parlando.

E’ ormai da qualche anno che associo l’inizio dell’estate non alla fine delle lezioni scolastiche, neanche al 21 giugno, tantomeno all’arrivo del caldo ma all’apertura della posta elettronica dove si trovano mail ‘pulsanti di corsa’ che propongono allenamenti collettivi con la scusa e la voglia di stare in gruppo.

Dal calcio al triathlon: riflessioni.
Rifletto e scrivo dopo i nuovi fatti di cronaca dei giorni scorsi riguardanti il mondo del calcio, atti che in misura minore, ma non per questo meno gravi, si verificano anche nelle nostre realtà giovanili. Samuele, il mio figlio maggiore, pratica il calcio e giustamente, spesso, lo accompagniamo e seguiamo le sue partite.

Eccoci di ritorno dai campionati italiani di cross svoltisi a Fiuggi, per me e Nicola un importante traguardo raggiunto in questa stagione invernale, che speriamo abbia dato il via a prossime nuove partenze per tanti nostri giovani atleti.

E’ strano come l’assenza modella i tuoi pensieri, le tue inquietudini. Come uno scultore del rinascimento sentiamo il suono del nostro “blocco” meditativo e solo adesso ci accingiamo a scalfirlo e poi a scolpire iniziando a dare forma all’opera.